mikandido

by

Siccome l’anno prossimo ci sono le elezioni comunali ho deciso di fingere una candidatura a sindaco di Bologna (fingere perché per una vera candidatura non saprei neanche da che parte cominciare, ho il terrore delle tortuosissime e complicatissime leggi italiane). Cominciamo con lo slogan:

Muoviti Bologna!

Più ambiente e più benessere in una città che ti vuole bene

e ora passiamo al PROGRAMMA!

  • Chi l’ha detto che per stare bene si debba per forza inquinare?
  • Chi l’ha detto che una casa ecologica è più scomoda e più costosa di una sprecona?
  • Chi l’ha detto che muoversi senza motore debba per forza essere una fatica?
  • Chi l’ha detto che per andare in bicicletta si debba rischiare la pelle per forza?
  • Chi l’ha detto che il cibo sano deve costare più di quello manipolato?
  • Chi l’ha detto che per finanziarsi il comune deve per forza lasciar costruire sempre nuovi edifici?
  • Chi l’ha detto che i viali di circonvallazione debbano essere un’autostrada gratuita sempre piena di auto che corrono a tutta birra mentre il filobus circola a passo di lumaca?
  • Chi l’ha detto che per forza si debbano fare altri 40 km di autostrada distruggendo quel che resta delle campagne a nord della città?
  • Chi l’ha detto che l’aeroporto di Bologna debba per forza puntare a dieci milioni di passeggeri l’anno da far decollare sulla testa dei suoi abitanti?
  • Chi l’ha detto che i rifiuti a Bologna debbano sempre aumentare? e che i gas serra non possano diminuire?

Chi l’ha detto? Noi no. Noi diciamo invece che…

Vogliamo un sindaco ecologista che pianifichi e realizzi la città più verde d’Europa, la città con meno emissioni inquinanti, la città con il massimo spazio e libertà di movimento per i bambini, i pedoni, i ciclisti, gli anziani e i disabili, la città che usa la minima energia per produrre il massimo benessere, una città finalmente salubre, che vuole bene a chi ci vive e ci lavora ma non tollera chi continua a speculare su case e terreni, sui trasporti e sui rifiuti, sui servizi sociali e sulla scuola, alle spalle dei cittadini e danneggiando l’ambiente.

Muoviti Bologna, il vento cambia!

kenedite?

vittorio

Annunci

2 Risposte to “mikandido”

  1. sergio Says:

    dico che sono d’accordo. si può conciliare tutto ciò con la volontà dominante di rendere bologna prima di tutto una città dove il fattore dominante è il commercio nelle sue varie forme ?
    sp

  2. Vittorio Says:

    Si può conciliare, purché i commercianti “scoprano” che si fanno molti più soldi se le zone commerciali sono belle e proficue se pedonalizzate (guarda via d’Azeglio!), che le consegne vanno fatte con veicoli elettrici, che agli acquirenti vanno regalati biglietti dell’autobus e così via (tutte cose che succedono in Europa, quella dove Bologna non è ancora arrivata, almeno dal punto di vista ambientale).
    grazie del commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: